Università del Salento

Collegamenti ai contenuti della pagina:
unisalento-theme-il-contenuto-pagina
Il menu di navigazione
Motore di ricerca
Area Riservata
Accessibilità






unisalento-theme-contenuto-della-pagina [Inizio pagina]

Informazioni generali

Il Museo di Biologia Marina "Pietro Parenzan", fin dalla sua prima costituzione, presso la sede di Villa Lucisani, non è mai stato una semplice "esposizione di reperti"; il suo fondatore, prof. Pietro Parenzan, si è sempre sforzato di trasmettere al visitatore notizie importanti relative all'habitat ed alle abitudini di vita degli organismi esposti. Esempio di tale tendenza era la ricostruzione di un tratto di scogliera popolato da uccelli marini tra cui il rarissimo airone bianco (Casmerodius albus), le pareti affrescate contribuivano a creare l'illusione di trovarsi davanti ad uno scorcio di costa. Altre piccole esposizione didattiche riguardavano l'allevamento dei mitili, il fouling e la formazione delle egagropile dai detriti di Posidonia. Le collezioni di molluschi marini, dai micromolluschi a quelli di interesse economico, di antozoi, crostacei, echimodermi, poriferi e un pressoché completo campionario di pesci dello Ionio fanno da cornice a raccolte di particolare interesse:

- i campioni dei mari tropicali con esemplari provenienti dal Mar Rosso e dall'Oceano Indiano
- la collezione di pesci abissali dello Ionio
- la collezione di esemplari mostruosi.

Quasi tutti i reperti sono stati raccolti dal Prof. Parenzan e dai suoi collaboratori, ma le collezioni sono state incrementate dalle donazioni di studiosi come il Prof. Kuiper (Institut Neèrlandais di Parigi) e il Dott. Torchio (Direttore dell'Istituto di Idrobiologia di Milano). In totale la collezione del museo comprende oltre 900 reperti riconducibili a 690 taxa. Reperti di particolare interesse sono:

- un carapace di grandi dimensioni di tartaruga Caretta caretta ed un esemplare di medie dimensioni della stessa specie
- la foca monaca Monachus albiventer
- la tartaruga Dermochelis coriacea che è simbolo del Museo e della rivista Thalassia salentina
- vertebre caudali di capodoglio
- Ranzania laevis, un pesce raro
- un esemplare di tursiope
- un interessante esemplare abortivo di squalo bicefalo

Attualmente, pur continuando la raccolta di esemplari in toto, si sta dando spazio ai modelli che possono essere esposti liberamente e rappresentano meglio soprattutto i colori che vengono invece danneggiati dai liquidi fissativi.

Il Museo è aperto al pubblico secondo il seguente orario:

Apertura:

dal 01 Febbraio al 31 Maggio dalle ore 9.00 alle ore 13.00; 
dal 01 Giugno al 15 Giugno  ore 9.00-13.00 e ore 17.30-20.30;
dal 16 Giugno al 15 Settembre dalle ore 17,30 alle ore 23,30;

dal 16 Settembre al 31 Gennaio dalle ore 11,00 alle ore 13,00.

(Lunedì chiuso, tranne nel periodo estivo)

L'entrata è libera e sono a pagamento le attività educative (visite guidate e laboratori).

Informazioni generali:
Tel. 0833 569502; 0832 298854
e-mail: museo.biologiamarina@unisalento.it


Per gruppi organizzati e scolaresche è necessario prenotare la visita guidata e/o i laboratori didattici telefonando al numero verde 800961993 da fisso o allo 0744-422848 da cellulare,

o inviando una e-mail a didattica@sistemamuseo.it dal lunedì al venerdì 9.00-17.00, sabato 9.00-13.00 (escluso i festivi).

La prenotazione delle attività va effettuata almeno 7 giorni prima della data prescelta.


Data ultimo aggiornamento: 17.11.2017